Come meditare

La meditazione yoga è un’azione semplice ma richiede impegno e costanza. La regolarità infatti è un elemento essenziale di questa pratica. Questo articolo vuole essere uno spunto per cominciare a praticare la meditazione. La tecnica proposta è una forma di meditazione preparatoria.
Un po’ di teoria
Le tecniche di meditazione che esistono sono molteplici a seconda della tradizione spirituale e religiosa da cui provengono.
Nello yoga la meditazione è divisa in due fasi:
1) raccoglimento (Prathyahara )
2) concentrazione (Dharana)
Al di là degli aspetti teorici che vedremo nei prossimi articoli, passiamo direttamente agli aspetti pratici.

La posizione di partenza

Siediti in una posizione comoda, anche su una sedia, con la schiena dritta ma rilassata, non tesa.
Se sei abituato a stare a posizione a gambe incorciate stendi allora una copertina per terra.
Le mani, posate davanti all’ddome,  sono raccolte , unite con la mano destra posata sopra la mani sinitra, i pollici in contatto.
Gli occhi sono socchiusi o, meglio ancora, chiusi del tutto.

Una tecnica di meditazione preparatoria

Comincia ad ascoltare il respiro:
l’aria che entra e l’aria che esce…
… ascolta le sensazioni
Cerca di mantenere la tua consapevolezza sul respiro, e sulle sensazioni associate.
Se un pensiero, o più pensieri affollano la tua mente, dolcemente, con delicatezza ma intenzione, porta la tua attenzione/consapevolezza di nuovo sul respiro.
Continua per circa 5 minuti.
Concentrati ora per 1-2 minuti sul tuo stato d’animo, sul tuo “essere” in questo momento qui e ora.
Prima di terminare..
porta ora la consapevolezza sui suoni esterni, e poi sulle sensazioni di contatto con la terra ( o con la sedia), con i tuoi vestiti, con l’aria che sfiora la tua pelle.
Quindi gradualmente, al tuo momento apri lentamente gli occhi…

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *