Quale tipo di yoga? – prima parte

Ci sono tanti tipi di yoga oramai. Pure troppi! 🙂

Chi ci capisce qualcosa?

Per fortuna volendo capire cos’è yoga e quale yoga fare, quale yoga percorrere, quale scuola seguire, possiamo cominciare da una prima ricerca. E oramai le ricerche si fanno su internet.

Nella definizione che compare sulla rete, data da wikipedia, lega lo yoga a pratiche ascetiche e meditative. E poi definisce lo yoga come uno dei sei darśana, all’interno della filosofia religiosa induista.

D’altra parte sappiamo che lo yoga è associato comunemente all’immagine di una pratica fisica, che si può fare in una palestra o  in un centro specifico. Dunque un’insieme di esercizi, esercizi yoga, prevelntemente fisici.

Fortunatamente, quest’immagine si sta cominciando a modificare, anche se a fatica, e si comincia a sapere e comprendere che lo yoga è qualcosa di più. Non è solo esercizi fisici ma porta con sé un mondo misterioso che in pochi conoscono.

A questo mondo sono associati: mantra, meditazione, respirazione, canti

Ma rimane di fatto ancora molta confusione. E questa è, come ti dicevo, alimentata anche da tutti i tipi di yoga, che nascono, di cui si sente parlare, spesso nuove tendenze o mode, spesso nuovi marchi legati ad aspetti di business ed immagine.

Ecco allora che accanto alla parola yoga se ne sentono di “tutti i colori” tra quelli in qualche modo “più tradizionali” e conosciuti:   hatha yoga, astanga yoga, tantra yoga, bhakti yoga, karma yoga, jnana yoga, raja yoga, kriya yoga, satyananda yoga,vinyasa yoga, iyengar yoga dhyana yoga, mantra yoga, nada yoga, kundalini yoga, sahaja yoga…

Ad altri più estranei: hatha yoga, astanga yoga, tantra yoga, bhakti yoga, karma yoga, jnana yoga, raja yoga, kriya yoga, satyananda yoga,vinyasa yoga, iyengar yoga dhyana yoga, mantra yoga, nada yoga, kundalini yoga, sahaja yoga ( yoga della risata), acroyoga, antigravity yoga (yoga antigravità), …

Mamma mia!

Tutto questo stride, e non poco, con il significato della parola yoga : unione.

E la domanda classica che i miei allievi pongono è: ma se yoga significa unione, com’è allora che esistono così tanti tipi di yoga?

Ecco allora che diventa difficile capirci qualcosa e anche capire quale yoga vogliamo fare, quale yoga sarà il più adatto, quale yoga è il vero yoga

Potremmo aiutarci, cercando di studiare un po’ di storia, cominciare a distinguere ciò che è antico, da ciò che è moderno. Individuare correnti e personaggi di spicco all’interno di questo mondo. Testi autorevoli anche che ci possono aiutare… un lavorone veramente grande!

Poi, è possibile che tu voglia cercare, per carattere o indole, qualcosa di originale, qualcosa di moderno, qualcosa che non ti interessa se yoga  tradizionale o meno, qualcosa che ti piaccia a pelle al di là di ogni etichetta, al di là di ogni conoscenza. Potresti allora lasciare andare al caso (che caso non è 🙂 ) e vedere che ti capita, chi hai attorno che conosce lo yoga, quali scuole ci sono nel tuo quartiere, vicino a casa tua o vicino a lavoro da te, negli orari che tu preferisci. Potresti dunque cominciare ad esplorare questo mondo e tutti quelli che ci sono avvicinati e che lo propongono o in un corso, o in un seminario.

Comunque sia, ecco, voglio cominciare qui, con questo articolo a sciogliere questa matassa. Sarà un lavoro lungo e difficile, ma intanto comincio, getto un piccolo sasso oltre la barriera.

Dunque…

lo yoga è una scienza antica, risale a circa 7000 anni fa. (continua …)

Guido Di Gioacchino

Ciao Raffaele,
che cos’è lo yin yoga?

Intanto ti invito a leggere uno degli ultimi articoli pubblicati..
vai l’articolo
.

Non lo conoscevo. Sono andato sul sito;
scusami se sarò molto franco,
ma mi sembra davvero un’altra impostazione di marketing,
in cui si associa alla parola yoga un’altra (in questo caso yin),
e se ne fa un marchio.

E’ una tecnica di marketing usate per rendersi primi in un campo che
si autodefinisce.

Questa è la prima impressione.
Poi dietro ci possono essere bravissime e buonissime persone;
quale domanda vogliamo poi porci?

Farà per me? Sono bravi gli insegnanti? Quanto è yoga nel vero senso del termine?

Fammi sapere che ne pensi… a te poi ti viene qualche altra domanda a cui rispondere.

Tu giò lo conosci e/o lo pratichi?

ciao Raffaele,

Guido Di Gioacchino

Ciao Raffaele,
allora me ne parli un po’…
qual è la tua esperienza?
quali sono le sue origini?

come scrivo nell’articolo “quale tipo di yoga” ci sono molti yoga e
spesso vengono creati per questioni di “primeggiare”.
Ma invece lo yin yoga ha altre origini? altre motivazioni?

Se mi togli questa curiosità che mi hai messo te ne sarei grato…

raffaele

le sue origini risalgono ai tempi dello shaolin.nella practica dello stile del serpente troviamo posizioni da mantenere per almeno cinque minuti.
lo yin yoga designa i tessuti come bersaglio connettivi quali i ligamenti,le ossa,le articolazioni,le anche,bacino,spina dorsale.
lo yin puo’sembrare noioso,passivo o morbida.si puo’ rimanere in una posizione fino a venti minuti.lo yin yoga coinvolge i meridiani in cina lo chiamano “meridian stretching”mentre si mantiene una posizione alleniamo i connettivi,respirazione,e’anche un auto massaggio degli organi interni.
in inghilterra sta diventando molto popolare,in particolare dai 40 anni in su’
ciao
raffaele

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *