Yoga e Stress

Yoga e Stress

Oggi affrontiamo una questione di interesse pratico: lo stress.

Cominciamo con il porci delle domande semplici ma utili.

Cosa può fare lo yoga contro lo stress?

Ma ancor prima: cos’è lo stress?

Perchè entro o vivo in una condizione di stress?

E dunque poi:

Come posso uscire da questa condizione e vivere una vita più piacevole, più serena ed armonica?

Cos’è lo stress?

Affronterò la questione in termini semplici chiari e diretti.

Lo stress è una sindrome di adattamento. Nasce cioè quando le sollecitazioni nel nostro quotidiano sono eccessive. Se queste sollecitazioni vengono ripetute giorno dopo giorno e non diamo tempo al nostro organismo di recuperare ecco che nascono gli effetti o i disturbi dello stress. Nascono cioè delle conseguenze all’aver sottoposto il nostro organismo in termini di intensità e di frequenza a sollecitazioni eccessive.

In poche parole troppo stress tutti i giorni che non viene smaltito.

In poche parole non diamo al corpo la possibilità di recuperare e ristabilire uno stato normale di salute e benessere.

Alcune osservazioni che mi vengono fatte spesso ogni anno durante il mio Corso di Yoga e Meditazione sono:

Mi sembra che non posso fare nulla di fronte all’ambiente in cui vivo.”

Non posso fare nulla di fronte al traffico caotico in cui mi muovo con la macchina”

Non è possibile rimanere sereni in un ambiente di lavoro frenetico” …

ovvero…

accade a volte per alcuni di noi che si senta di “non potere”.

Accade in certe situazioni che ci sentiamo impotenti, impossibilitati, vittime delle circostanze.

Ma è proprio così?

Possiamo invece percepire diversamente le situazioni che viviamo?

Possiamo percepire la vita con maggior serenità, armonia, pace, intensità?

Riuscire a comprendere che è possibile generare in noi un cambiamento ci permetterà di comprendere dunque non solo che possiamo percepire la vita con maggior serenità, armonia, pace,  e intensità, ma che possiamo anche vivere la vita senza più lo stress.

E’ possibile… con lo Yoga?

Sì è possibile con lo Yoga.

Come opera lo yoga?

Tutte le pratiche fondamentalmente vanno a lavorare nella liberazione dai nostri condizionamenti o samskara. E’ proprio la liberazione da questi condizionamenti che ci permette un processo di trasformazione e cambiamento.

Tali risultati operano in un cambiamento di percezione della vita, ci danno una più chiara comprensione e accettazione di ciò che ci accade, un maggior senso di direzione e scopo.

Dunque lo Yoga non offre soluzioni immediate e superficiali od esterne. Lo Yoga offre invece strumenti di cambiamento, di miglioramento di noi stessi, della nostra modalità di relazionarci alla vita, e dunque diventiamo capaci di vivere meglio e gestire meglio tutte le sollecitazioni esterne.

Diventiamo capaci di avere maggior consapevolezza di come le nostre azioni quotidiane influiscano su di noi.

Diventiamo anche capaci di scegliere e saper abbandonare quelle abitudini e modalità che ci tengono schiavi ed imprigionati in una gabbia di stress e sofferenza.

Il punto essenziale?

La Pratica.. il praticare… il provare direttamente in prima persona. E giorno dopo giorno… costruirai la tua felicità, il tuo benessere senza uguali.

un saluto,

a presto,

Guido

PS

Lascia un tuo commento, te ne sarò molto grato.

Guido

PS

tra qualche giorno ti arriverà una mail di una grande ed interessante novità!

Rimani collegato 🙂  Stay Tuned ..

ivan

Carissimo Guido namastè, sono più di 49 anni che mi dedico allo yoga e forme meditative. Devo ammettere, con rammarico, che il cambiamento negli ultimi 10/15 anni è stato esponenziale in contrasto allo sviluppo lineare dei processi cerebrali. Non possiamo più proporre tecniche, sicuramente validissime ma che appartengono ad un’epoca diversa, non più attuabili se inserite in un contesto sociale completamente mutato. Dovremmo, con molta calma, prima preparare questi giovani, iniziandoli gradualmente ad esperire nuove tecniche, nuove strategie, nuovi programmi che ” inizialmente” puntino a rallentare il frenetico turbinio dei loro pensieri. Non voglio dilungarmi oltre abusando della tua cortesia. Elogiando la lentezza della mia generazione, mi congedo. OM Santi. IVAN

Guido Di Gioacchino

Ciao Ivan o ancor meglio Namaskar!,
grazie mille di aver condiviso le tue riflessioni.
Comprendo bene quanto dici.
Personalmente la caratteristica dell’Ananda Marga Yoga è quella di proporre tecniche antiche che sono state proprio perfezionate e rinnovate dal maestro Shrii Shrii Anandamurti.
La loro forza è di “fare appello” direttamente alle qualità e caratteristiche della mente umana a cui tutti abbiamo accesso.
E’ vero che il contesto sociale attuale dà spesso stimoli intensi in direzioni davvero poco yogiche ma questo non significa che gli insegnamenti dell’Ananda Marga Yoga non possano essere applicati. Anzi… da un punto di vista “tantrico” (tradizionale) ogni ostacolo è un’opportunità di crescita.
Sono stato molto contento del tuo commento e dunque non ti preoccupare.
un caro saluto…
a presto,
Guido

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *