L’importanza di una giusta filosofia di vita

Dopo 20 anni di pratica e approfondimento dello yoga e della meditazione mi rendo sempre più conto di quanto sia importante coltivare una giusta filosofia di vita.
Il punto fondamentale è che ciascuno di noi porta in sè una filosofa di vita che lo sappia o no, consapevolmente o inconsapevolmente.
Questa filosofia di vita la possiamo pensare come l’insieme dei nostri pensieri, delle nostre credenze, delle nostre convinzioni sul mondo e su noi stessi.

Come l’abbiamo creata?

La nostra filosofia di vita nasce dall’insieme di messaggi, insegnamenti ma anche riflessioni che abbiamo fatto sinora.
Alcuni insegnamenti li abbiamo rifiutati, altri li abbiamo accolti, altri approfonditi.

Il punto fondamentale è che la nostra filosofia di vita determina fortemente la nostra psicologia così come il nostro comportamento. Quello che facciamo, la nostra vita è condizionata dal modo di pensare e vedere il mondo e noi stessi.

Un secondo punto è che spesso gran parte di ciò che pensiamo, di ciò che crediamo nasce da una semplice accettazione di ciò che c’è stato detto, di ciò che ci è arrivato. Ma la fonte dell’insegnamento, la sorgente di ciò che abbiamo accolto è spesso contraddittoria con ciò che abbiamo già dentro di noi, con altre fonti che in passato abbiamo accolto.

Oggi purtroppo in molti di noi non c’è una visione forte, unitaria, chiara che sorge da una filosofia ampia coerente e illuminata.
Lo yoga e la sua filosofia nascono dall’esperienza diretta, dalle intuizioni percepite, raccolte e poi verificate di millenni di pratica delle sue tecniche.
La moralità dello yoga (yama e niyama) porta centratura nella persona, stabilità.
Le posizioni yoga (asana) calmano la mente .
La respirazione yoga (pranayama) approfondisce la percezione.
Il raccoglimento (prathyahara) libera dagli attaccamenti che bloccano la nostra conoscenza interiore.
La concentrazione (dharana) aiuta a cogliere l’essenza della nostra profondità.
La meditazione profonda (dhyana) a sentire quella pace e serenità, quel puro spirito che tutto pervade.
L’abbandono interiore (samadhi)a gioire di quella beatitudine che sgorga nel cuore, nel centro del nostro essere.

Grazie a tutto ciò la mente si “illumina” e percepisce la realtà da un punto di vista ampio, coerente, chiaro.

La filosofia che nasce allora da queste pratiche millenarie risulta essere solida, coerente anch’essa, ampia, illuminante.
Dunque conoscere la filosofia yoga non come pure esercizio intellettuale ma come sorgente di ispirazione, di approfondimento, di confronto con i nostri pensieri più limitanti è un ottimo modo per trovare ispirazione nella pratica quotidiana della spiritualità, un ottimo modo per trovare quella spinta a coltivare e realizzare la nostra natura e a rivolgerci al mondo con uno spirito di aiuto e condivisione.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *